HEAD YOUTEK GRAPHENE RADICAL PRO

La Head YouTek GrapheneRadical Pro è una racchetta interessante da un punto di vista: riesce a far propria una categoria di tennisti che va dal livello medio – alto sino a giocatori di livello agonistico e molto avanzato. Questa sua caratteristica la rende appetibile a chi ha un livello non agonistico, che la apprezzerà per le sue doti di maneggevolezza, e chi ha un livello più alto, che la stimerà per il suo grande controllo.

LA NOSTRA VALUTAZIONE

Controllo 9.0
Volèe 8.5
Potenza 8.0
Topspin 7.5
Servizio 7.5

Controllo:
Eccellente. La Head YouTek Graphene Radical Pro fa della stabilità il suo grande punto di forza, che è poi da sempre il grande marchio di fabbrica della Head. Da qualsiasi parte del campo si giochi, questa racchetta non perderà mai il suo proverbiale equilibrio e vi aiuterà a tenere in campo anche delle palle impossibili.

Volée:
Ottima. Essendo una racchetta molto leggera (310 grammi), essa facilita e non poco il gioco di volo. A rete ci si sente sicuri, tranquilli e mai in affanno; le volée non sono mai forzate ma fuoriescono naturalmente da questo ottimo piatto corde.

Potenza:
Buona/Ottima. Il piatto stretto (98″), consente alla Head YouTek Graphene Radical Pro di impattare la palla con una precisione assoluta che, abbinata a un buon braccio, può conferire tranquillamente grande potenza al colpo. Le palline risulteranno sempre profonde e penetranti, soprattutto in risposta al servizio.

Topspin:
Buono. Le rotazioni con laHead YouTek GrapheneRadical Prosono di discreta fattura. Non è sicuramente l’apice di questa racchetta il gioco in topsin, ma le rotazioni sono comunque discrete e facilissime da ottenere, grazie anche a un telaio che risponde molto bene, sensibile al tocco e accurato.

Servizio:
Sufficiente. Si fa fatica. La racchetta è maneggevole e leggera, ma con questo telaio è difficile far uscire un servizio davvero pesante, a cui è difficile rispondere. Meglio con il kick.

Related Post
HEAD SPEED PRO
La crescita degli atleti inizia da qui. #NCTA
Benvenuti al nuovo NCTA